Discarica: caro ATO pensaci tu!! Tra qualche settimana saremo sommersi di spazzatura!


Dalla mozione ai fatti! Il consiglio Comunale di Modica ( chi volesse divertirsi a leggere il resoconto della seduta vada a cliccare su: http://www.comune.modica.rg.it/news.cfm?IDNews=1821, non  ci capirà nulla!!) ha approvato di recente una mozione con la quale impegna l’Ato Ambiente  di Ragusa ha fare due cose. Provvedere alla campagna per la raccolta differenziata e a prodigarsi ad individuare il sito per discarica. Nella mozione approvata in sostanza si dice: Preso atto della mancata attivazione del piano regionale e nazionale dei rifiuti, ed in particolare del “Sistema Augusta” nella cui parte risulta ricadere la provincia di i Ragusa;

Attesa la imminente scadenza del termine ultimo di capienza della discarica comprensoriale di Scicli, fissato al prossimo 28 febbraio;
Ritenuto che una delle cause principali di tale emergenza risiede nella mancata attivazione da parte dell’ATO Provinciale di una raccolta differenziata efficiente, capace di raggiungere percentuali alte di rifiuti da non conferire in discarica;
Che la raccolta differenziata, come dimostrano anche i provvedimenti urgenti presi in Campania, sia alla base di una valida programmazione che riguarda lo smaltimento dei rifiuti e sia indicatore primario di una seria e rigorosa politica ambientale, fatte salve le competenze regionali;
Verificato che la competenza per la proposta di realizzazione di nuovi siti da adibire a discarica, nelle more dell’ avvio del sistema di piano, è di competenza esclusiva dell’ATO di riferimento e prevede l’autorizzazione finale del Commissariato Regionale per l’emergenza rifiuti;si chiede al Presidente e al C.d.A. dell’ATO di Ragusa:

1) di attivare, di concerto con le Amministrazioni Comunali, con estrema urgenza, una forte azione che permetta di incrementare la raccolta differenziata mediante la fissazione di obbiettivi e di tempi di realizzazione da monitorare costantemente, prevedendo, altresì meccanismi di incentivazione fiscale sotto forma di riduzione della TARSU per le famiglie e le imprese;
2) di avviare tutte le procedure per la individuazione e la realizzazione di una nuova discarica provinciale comprensoriale ;
3) di individuare e realizzare, comunque, nel Comune di Modica un idoneo centro di raccolta per dare un forte impulso alla raccolta locale differenziata; Impegna

L’Amministrazione Comunale e lo stesso Consiglio, qualora il sito prescelto dovesse ricadere nel territorio di Modica, a valutare, in tempi rapidi, l’idoneità dello stesso e a fornire ogni utile parere e deliberazione per quanto di rispettiva competenza.

Ma per essere più “scientific”i il sindaco di Modica ha incontrato i vertici dell’Ato e ha invitato, per vie ufficiali, la struttura tecnica di consulenza e supporto dell’ATO Ambiente di Ragusa, guidata dal prof. Attilio Tornavacca, ad un confronto con l’amministrazione ed il consiglio comunale in vista dle varo del piano di comunicazione per la raccolta differenziata e del successivo avvio dei piani integrati provinciali per la raccolta differenziata.
Tale appuntamento nasce anche a seguito dell’importante sollecitazione contenuta nella mozione approvata dal civico consesso sulla raccolta differenziata, al fine di rendere scientifico ed operativo un dibattito che altrimenti “rischia- dichiara il Sindaco- di caratterizzarsi per posizioni estemporanee e soluzioni personali che risentono dell’assenza di un inquadramento tecnico e normativo”.
Il consiglio comunale, d’intesa con il Presidente del Consiglio comunale,Scarso, e con la disponibilità dell’ing. Rafael Rossi consulente dell’Ato, si terrà a Modica venerdì 1° febbraio alle ore 19.00 e consentirà il primo vero confronto tecnico-scientifico sul servizio di raccolta differenziata e sulla ipotesi di sviluppo e pianificazione in vista dell’approvazione del piano provinciale.
All’incontro saranno invitati i vertici dell’Ato Ambiente di Ragusa, i rappresentanti della ditta che gestisce il servizio e i tecnici del settore ecologia del Comune.
“ Queste sono le risposte concrete che si attendevano – commenta il Sindaco- e l’avvio di un percorso serio e scientifico per accelerare sulle politiche d’incremento della raccolta differenziata, ma è anche chiara dimostrazione del ruolo findamentale dell’ATO nel processo di riorganizzazione e potenziamento del servizio.”
Nella riunione di ieri dell’assemblea dell’Ato Ambiente di Ragusa il Sindaco Torchi ha consegnato al presidente e ai soci la copia della mozione di indirizzo approvata dla consiglio comunale di Modica.
Su richiesta dell’Ato, l’amministrazione comunale ha anche consegnato lo stato di fatto delle cave esistenti nel territorio modicano ed oggi non più in uso, corredate dalla loro natura geologica e dei relativi vincoli, al fine di aggiornare uno studio che l’ATO sta svolgendo su tutto il territorio provinciale.

Il problema è che la crisi è alle porte. Appena a fine mese chiude la discarica di San Biagio di Scicli, come si deve fare?. L’immondizia verrà portata al presidente dell’ATO dott. Giovanni Vindigni???

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...