Sette pomodori con il bollino di “Tomato Excellent”


premiatiSono “sette” i pomodori di Sicilia che porteranno sulla “testa” la corona di re. E non solo per una notte. “E’ la novità dell’edizione 2014. “Le varietà vincitrici di Tomato Excellent- sottolinea l’organizzatore – possono fregiarsi di un bollino identificativo che le ditte sementiere potranno apporre in tutti i passaggi della catena produttiva incluso quella della commercializzazione a garanzia anche del consumatore”.

Nella serata di Tomato Excellent, sfilano cosi i sette “Oscar del pomodoro”. Ed ecco i loro nomi. Vincono Marinda della Nuhemens per la tipologia Costoluto- Insalataro, la Pixel della Isi Sementi per la tipologia Plum, la Eracle della Med Hermes per la tipologia Grappolo; la Cikito della Seminis per la tipologia Datterino, la Tomawak della Syngenta per la tipologia Cuore di Bue, Creativo della Clause per la tipologia Cherry e Sir Elyan della Vilmorin per la tipologia San Marzano/ Oblungo.

Sette varietà, corrispondenti a sette tipologie di pomodoro, tutte figlie della ricerca genetica e dell’innovazione sementiera, a cui la Commissione Giudicatrice Nazionale, presieduta dall’agronomo Biagio Dimauro, tenuto conto anche dei giudizi espressi dai protagonisti della “filiera”, dai vivaisti ai produttori sino ai consumatori, ha riconosciuto il valore aggiunto della migliore resistenza genetica, dell’adattabilità del territorio e soprattutto della Long Shef Life.

cartabella omaggioTra i presenti, l’assessore alle Risorse Agricole della Regione Sicilia, Dario Cartabellotta che ha sottolineando il valore della manifestazione che esalta l’“identità”del pomodoro.“Veicolare l’idea che non sia una commodity è fondamentale. Tomato Excellent segue perfettamente la filosofia che più il pomodoro lo si conosce, più lo si apprezza. Aiutando il consumatore a comprendere che il pomodoro non è prodotto indistinto e omologato, ma esattamente il contrario, diamo una mano significativa alla filiera agricola siciliana che ha tutte le carte in regola, quanto a gusto e a salubrità, per accrescere il suo potenziale di piazzamento commerciale nei mercati nazionali ed esteri”.

 Nel corso della serata consegnato anche un premio speciale ad Enza Zaden per i contributi dati nel settore della ricerca sementiera. A premiare Carmelo Iacono, in rappresentanza dell’azienda leader nel settore delle sementi, è l’israeliano Eytan Kachel, figura storica del comparto che ricorda di essere stato il primo ad avere intuito che il pomodoro di Sicilia dovesse essere soprattutto rosso puntando all’implementazione produttiva e poi commerciale del grappolo e del pomodorino. Prodotti buoni e “belli”. “Perché voi italiani- dice Eytan Kachel -mangiate non solo di gusto,ma anche con l’estetica”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...