Con ‘A tutto volume’ gli scrittori invadono i luoghi storici di Ragusa


piazza duomo“Marco Malvaldi e Roberto Vacca si sono conosciuti nel corso di ‘A tutto volume’ e hanno poi pubblicato un libro insieme”.

È questa storia di vita, la vicenda di un incontro prima personale e poi professionale, a raccontare meglio di tutto, secondo Roberto Ippolito, lo spirito della manifestazione ragusana di cui è direttore editoriale. Nata nel 2010, ‘A tutto volume – Libri in festa a Ragusa’ festeggerà alla fine della primavera la sua quinta edizione.

Il 6, 7 e l’8 giugno la città siciliana apre le porte a romanzieri e saggisti. Da Silvia Avallone a Marco Travaglio, da Giancarlo De Cataldo a Domenico De Masi e Corrado Formigli, fino al premio Oscar Nicola Piovani, al debutto da scrittore con il libro che raccoglie i suoi ricordi. “Mi piace definire ‘A tutto volume’ un festival pluralista, perché la manifestazione spazia, con grande diversità, dalla narrativa alla saggistica -spiega, all’Adnkronos, Ippolito- Nella scelta dei 25 autori che parteciperanno abbiamo privilegiato quelli che, secondo noi, rappresentano ad oggi le voci più significative del panorama editoriale italiano, scrittrici e scrittori che hanno tanto da dire.

Da sempre, la caratteristica del festival è l’incontro -prosegue- Per questa ragione, chiediamo agli autori di fermarsi a Ragusa per tutti e tre i giorni, così che possano confrontarsi, conoscersi e interagire con il pubblico. È molto bella, per esempio, una foto delle passate edizioni che ritrae Stefano Rodotà seduto per terra nel corso della presentazione del libro di Concita De Gregorio”. Per la narrativa, Ragusa attende, in questa edizione di ‘A tutto volume’, anche Alessia Gazzola, Carlo Bonini (coautore di De Cataldo), Pietrangelo Buttafuoco, Luciana Castellina, Chiara Valerio e Marco Steiner.

Per la saggistica e l’economia, il programma stilato da Ippolito propone, invece, Edoardo Boncinelli, Giulio Giorello, Loredana Lipperini, Riccardo Chiaberge, Roberta Corradin, Valerio Castronovo e Innocenzo Cipolletta. In più, racconteranno i loro volumi e si aggireranno per i luoghi storici del centro siciliano anche lo chef Alessandro Borghese, il fotografo Gianni Berengo Gardin, il giornalista sportivo e autore di thriller Alfio Caruso.

“In questi anni la formula di ‘A tutto volume’ non è sostanzialmente cambiata -nota Ippolito- Abbiamo messo al centro i libri e gli scrittori e a loro abbiamo cercato e cerchiamo di dare spazio sufficiente per raccontare se stessi e le proprie pagine. Li invitiamo a discuterne in luoghi della città sempre diversi, così da unire all’interesse per i libri anche la scoperta o riscoperta di Ragusa”.

La valorizzazione delle bellezze storico-architettoniche della città è, nell’opinione del direttore organizzativo della manifestazione, Alessandro Di Salvo, uno dei punti di forza del festival: “Sin dall’inizio, abbiamo riservato grande attenzione a Ragusa, portando i libri nei luoghi che, tradizionalmente, non ospitano libri. Rispetto ai primi anni, in cui abbiamo privilegiato palazzi e spazi chiusi, in quest’edizione, posticipando il festival nella primavera avanzata, ci siamo spostati in spazi aperti, così da poter accogliere tutto il pubblico che, da sempre, ha dimostrato interesse nei confronti della manifestazione”. Gli incontri con gli scrittori saranno ospitati nelle prime due giornate del festival a Ragusa superiore e l’8 giugno a Ibla.

“La bellezza di Ibla è indiscussa -aggiunge Di Salvo- ma ci preme anche riempire di libri Ragusa superiore, così da rivalutare una zona che negli ultimi tempi risente un po’ di uno svuotamento, a causa dei centri commerciali sorti in periferia”.

Nell’edizione 2014 sarà dedicato anche uno spazio ai bambini, una sorta di cittadella all’interno della quale i più piccoli saranno accompagnati in giochi e percorsi di lettura. “Per quest’edizione ci stiamo muovendo con anticipo -spiega Di Salvo- ciò ci consente di costruire una programmazione anche dal punto di vista turistico.

“La manifestazione apre di fatto la stagione estiva e stiamo lavorando per proporre dei pacchetti che consentano di apprezzare, oltre ai libri, anche il patrimonio enogastronomico del Ragusano. I dati degli albergatori, dei librai e il colpo d’occhio ci confermano in questi anni un trend in crescita -conclude Di Salvo- La manifestazione ha funzionato da subito e si è radicata nel cuore del pubblico. Speriamo per il 2014 di fare un salto anche dal punto di vista del turismo culturale”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...